Stemma della Citt?di Nocera Superiore

News

immagine articolo

III ciclo di Incontri tra Estetica e Bellezza della Città di Nocera Superiore, biblioteca Aldo Moro, venerdì 10 marzo ore 19

Ultimo aggiornamento : 09/03/2017dott.ssa Adele Lagi, Eredità di affetti: il patrimonio immateriale di Pompei e il nuovo sistema di interpretazione e presentazione del sito.

L’Amministrazione comunale di Nocera Superiore continua a promuovere il III ciclo di Incontri tra Estetica e Bellezza della Città stavolta con la testimonianza della dott.ssa Adele Lagi, responsabile del sito Unesco di Pompei al fine di “puntare l’attenzione al grande patrimonio culturale di Nuceria, rivale storica di Pompei a cui tuttavia era legata da grandi rapporti commerciali e politici all’interno della Valle del Sarno”, come sostengono il sindaco Giovanni Maria Cuofano e l’assessore Teobaldo Fortunato che si adoperano per il rilancio del turismo culturale di Nocera Superiore.  La dott.ssa Adele Lagi affronterà un tema importante, quello del ruolo dell’Unesco e ci tiene a precisare:

“L’UNESCO tutela, con l’iscrizione nelle proprie liste, il patrimonio culturale e naturale e il patrimonio culturale immateriale, intangibile, con due diverse convenzioni; la prima sottoscritta dagli stati membri a Parigi nel 1972 e la seconda firmata anch’essa a Parigi nel 2003. Il patrimonio culturale e naturale, rappresenta l’identità dei popoli e l’eredità materiale del passato da trasmettere alle generazioni future. Esso possiede i caratteri di ”eccezionale valore universale”, da tutti riconoscibili, indipendentemente dalla sua collocazione geografica. Il patrimonio immateriale è descritto come “le prassi, le rappresentazioni, le espressioni, le conoscenze, il know-how – come pure gli strumenti, gli oggetti, i manufatti e gli spazi culturali associati agli stessi – che le comunità, i gruppi e in alcuni casi gli individui riconoscono in quanto parte del loro patrimonio culturale”

Pompei e le città vesuviane si configurano come un luogo dove può essere superata la dicotomia tra patrimonio materiale e immateriale. Esse costituiscono un continuum spazio temporale dove la valenza storica archeologica del sito e la sfera metafisica di un ritorno al passato, percepito attraverso il presente, si fondono dando luogo ad un esperienza unica. Attraverso una rilettura dei valori immateriali di Pompei  la relatrice illustrerà il nuovo sistema di interpretazione e presentazione in corso di realizzazione nella città vesuviana, costruito sui concetti espressi dalla dichiarazione di iscrizione nelle liste del Patrimonio mondiale UNESCO. I visitatori partecipano al risvegliarsi della città da un sonno millenario, e la loro stessa presenza innesca l’orologio del tempo, che riprende a scorrere in occasione della visita. In tal modo, attraverso l’interesse dei visitatori, i pompeiani riprendono a vivere e raccontano la loro storia di donne e uomini, mercanti e banchieri, politici, matrone e schiavi e gladiatori; le strade, le case, le piazze e i templi non sono più semplici resti, seppure straordinari, di un passato sepolto sotto la cenere di un vulcano”.

 

Assessore Teobaldo Fortunato


Comune di Nocera Superiore
Corso G. Matteotti n.° 23 - 84015 Nocera Superiore (SA)
Tel. 081.5169211 - fax 081.5143532 - P.I. 00231450651
pec istituzionale: protocollo@pec.comune.nocera-superiore.sa.it

[torna su]